sabato 1 ottobre 2016

Calming Jar - barattolo della calma

Non ...che poi se vai a vedere è una bottiglia!
Ultimamente mio figlio, in preda a battaglie per affermare il suo potere, la sua volontà, i suoi spazi, cade in vere e proprie crisi di pianto.
Riesce a creare il panico in un secondo, una di quelle trasformazioni tipo Gremlins, da orsetto coccoloso a Bestia di Satana.
L'altro giorno, leggendo uno dei miei 4 libri iniziati che ho sul comodino, ho letto del Montessoriano barattolo della calma.
La riproduzione di una di quelle palline con la neve dentro insomma.
Così... Alla prima "botta da matto" ho preso una di quelle palline (quella che mia mamma ha portato da Sanpietroburgo) e TAC! La magia della neve ha interrotto il pianto e magicamente si è calmato.
Ora, vuoi che se mi spacca per terra quella palla mi rompe pure il pavimento, vuoi che mi piace e non voglio la perda, ho deciso di farne una infrangibile.
Barattoli trasparenti di plastica non ne ho trovati, quindi ho optato per una bottiglietta da 100ml (quelle per l'aereo).


Occorrente:
- Bottiglietta
- Colla trasparente (va bene anche il sapone intimo, purché sia trasparente)
- Brillantini (sia glitter semplici che applicazioni per le unghie che avevo da milioni di secoli)
- Acqua Calda


Unire il tutto, ricordando che la colla (o il sapone) servono per dare la viscosità giusta all'acqua e a rallentare i brillantini!


La foto post-shaker non rende benissimo, ma a Simone è piaciuta davvero tanto!
Passati 3/4 minuti il tutto si deposita sul fondo.
Bella no??




1 commento:

chiara bafundi ha detto...

Bellissima, ora la faccio pure iO!